Zoppè di Cadore

paese montano

Secondo mons. Giuseppe Ciani, nel V secolo gli abitanti della valle del Boite, terrorizzati dagli Unni, abbandonarono i loro villaggi e si rifugiarono sulle montagne circostanti. Presso il Colle di Fies, altura a 1.588 m., nei pressi di Zoppè, essi avrebbero edificato un “castello” per difendersi dai barbari. Una volta finita l’invasione, si sarebbero fermati in quel sito, ritenendolo più sicuro. Così il Ciani: “Non pochi gl’indizi ch’ancor ne rimangono: reliquie di fondamenta, un pozzo, forme e ciglioni di campi da seminato nelle circostanze, e sì le tracce d’una strada che dall’oppido di Fiès, correndo per Chiandolada in fianco a Valdecuzza, metteva a quel punto dell’Oltrechiusa, ove il castello di Hodo (Vodo di Cadore): i paesani non con altro nome l’appellano, che ‘Strada de’Pagani’”. Un altro sito nelle vicinanze è denominato “Cimitero dei Pagani”.

Sempre secondo il Ciani, nel 959 Giovanni, vescovo di Belluno, tentò di assoggettare alla sua giurisdizione alcune chiese del Cadore. Dopo lunghe e accanite questioni, si arrivò alla cessione al vescovo della cappella di Zoppè: da quel momento Zoppè appartenne civilmente al Cadore, ecclesiasticamente a Belluno e fu aggregato a Zoldo.

Secondo don Pietro De Vido (Prè Pìero, parroco di Zoppè dal 1860 al 1889), nel 1198 un tale Piazza di Comelico vi realizzò una fucina, “stante la comodità del carbone”. A tale scopo, “nel luogo detto Pian dal Forno (Piàn dal For) fabbricò delle officine, impiegò al lavoro più uomini, molti ne occupò a far il carbone e molti a condurre la materia minerale la quale veniva levata nelle vicinanze di Col di Santa Lucia (di Livinallongo, n.d.r.) sui monti Fruxile (Fursil, n.d.r.)”. Per quanto Prè Pìero non citi alcuna fonte, i resti di un forno rinvenuti nel 1940 durante la realizzazione del nuovo cimitero nella località detta appunto Pian dal For, sembrano confermare questa testimonianza: qui aveva trovato una collocazione ottimale, vicino al torrente Rutorto e in un luogo ricco di legname. Inoltre, la località dove, secondo Prè Pìero, il Piazza si sarebbe costruito la casa conserva ancora oggi quel nome: le famiglie che vi abitano sono soprannominate “i Piaza”.

Uno dei primi documenti in cui compare il nome di Zoppè è un atto di vendita del 1216: “1216, 18 dicembre, San Vito di Cadore. Vendita. I tre fratelli … vendono … un prato situato sul pascolo di Flago e Tamarile, confinante col pascolo di Zoppè (in monte Zopedi)”.

I primi riferimenti scritti sicuri su un toponimo si hanno però solo a partire dal 1357, quando il Patriarca di Aquileia Nicolò di Lussemburgo concede il possesso di un maso di Zoppè a “Johannes qui fuit de Moglena”.
Nel 1420 il Cadore passa alla Repubblica di Venezia. Durante il dominio veneziano (1420 – 1797) il Cadore era diviso in 10 “centenari” o “centene”. Zoppè, con Vinigo, Peaio e Vodo di Cadore, faceva capo alla centena di Venas.
La chiesa di Sant’Anna contiene una pala d’altare raffigurante Sant’Anna ai piedi della Madonna con Gesù bambino, e ai lati San Paolo e San Girolamo, attribuita a Tiziano Vecellio. Il notaio di Pieve di Cadore Matteo Palatini, proprietario di un maso piuttosto esteso a Zoppè, amico della famiglia Vecellio, dispose nel suo testamento del 1528 che i suoi eredi facessero costruire una cappella a Zoppè, e che pagassero cinquanta ducati per far dipingere una piccola pala raffigurante Sant’Anna.9 Il quadro venne custodito gelosamente dagli zoppedini. Tuttavia, per preservarlo dal saccheggio da parte dei soldati di Napoleone, lo avvolsero intorno a un tronco di larice e lo nascosero nel cosiddetto tabià grant (fienile grande) nella frazione di Villa. Il tronco rilasciò però della resina, che finì per rovinare in gran parte il dipinto. I successivi maldestri restauri finirono per rovinare la pala, tanto da far dubitare della paternità tizianesca dell’opera. I viaggiatori ottocenteschi che arrivarono fino a Zoppè videro il quadro in queste condizioni. Nel 2007 la pala fu restaurata con grande perizia, rivelando molti particolari nascosti e restituendole in gran parte l’antica bellezza.

Il nucleo originario della chiesa risale al 1530 circa. Il 9 luglio 1737 venne consacrata la nuova chiesa, ampliata in seguito alla istituzione (1726) della Mansioneria (poi elevata a Curazia nel 1774) e della conseguente presenza stabile di un sacerdote. Nel 1843 Zoppè divenne Parrocchia staccandosi dalla chiesa matrice di San Floriano della Pieve di Zoldo. La chiesa venne nuovamente ristrutturata nel 1896 dopo che il paese venne distrutto quasi totalmente da un incendio.

Nonostante Zoppè sia geograficamente parte della Val di Zoldo, è tradizionalmente e storicamente parte del Cadore. I traffici si rivolgevano un tempo soprattutto verso quest’ultimo e potevano usufruire, oltre che del passo Cibiana, anche della forcella Ciandolada che la collegava a Vodo di Cadore. Si dice addirittura che gli zoppedini preferissero battezzare i propri figli in Cadore piuttosto che nella vicina pieve di Forno di Zoldo. Assieme a Venas, con Cibiana, Vodo, Vinigo e Peaio fece sempre parte della medesima centena, fino all’avvento di Napoleone.

Posizione

posizione zoppe di cadore

Klettern u. Bergwandern in Österreich Logo InterregIV Logo Cai Veneto Comune di Forno di Zoldo Comune di Zoppe di Cadore Comune di Cibiana di Cadore Villaggidegliapinistiaustria